+ 39 0444 559445 bibliotecamberico@gmail.com

Restauro cinquecentina

Grazie al sostegno del Rotary Club Vicenza è stata restaurata una preziosa cinquecentina di proprietà della Biblioteca Berica del Santuario di Monte Berico.

 

Giovedì 17 giugno presso il Museo del “Tesoro della Madonna da Monte”, nel cuore del santuario di Monte Berico, si  è svolta la riconsegna alla Biblioteca Bericadella cinquecentina diPetri Criniti Viri Docti “De honesta disciplina, De poetis latinis et poematum Longobardorum” (ed. 1518),sottoposta ad un intervento di restauro da parte del Laboratorio di Restauro del libro e di opere d’arte su cartadell’Abbazia di Praglia, in particolare nelle persone di Gloria Biasin e di Alberto Benato.

L’impegnativo intervento di restauro di questo volume è stato promosso e sostenuto dal Rotary Club Vicenzacome segno tangibile di vicinanza alla Biblioteca Berica custode di preziose testimonianze del passato. Si tratta di un’opera,  particolarmente singolare per le sembianze simili ad un incunabolo, per la raffinata qualità della carta e per il suo autore Crinitus Petrus, ovvero il fiorentino Del Riccio Baldi Pietro (1474-1507) –  discepolo del Poliziano –  di cui questo esemplare raccoglie le sue tre opere principali.

Il volume, che versava in uno stato di conservazione critico, dopo questo delicato intervento di restauro, ritorna ora ad impreziosire il patrimonio bibliografico antico della biblioteca del Santuario di Monte Berico dell’Ordine dei Servi di Maria.

Dopo i saluti istituzionali di Padre Carlo Rossato e Padre Attilio Carrella, il presidente del Rotary Club Vicenza Attilo Dosa, ha ringraziato il Rettore del Santuario e il Direttore della Biblioteca per l’opportunità di poter contribuire al restauro di questa preziosa opera, che ha costituito un’occasione speciale per avvicinarsi e scoprire una realtà culturale, come quella della Biblioteca Berica, prezioso scrigno di testimonianze storiche del territorio, da conoscere. Di particolare interesse è stato l’intervento dei restauratori del Laboratorio di Praglia, Alberto Benato e Gloria Biasin, che con il loro racconto hanno permesso di conoscere le fasi più importanti del restauro (come da allegata nota tecnica di restauro).

Libri del Mese di Gennaio 2021

Il Salvatore trasfigurato di Giovanni Bellini

Agata Keran

“Un capolavoro assoluto, la Trasfigurazione di Giovanni Bellini, conservato nel museo partenopeo di Capodimonte, ma concepito probabilmente per una cappella della cattedrale di Vicenza, è il protagonista di un’ampia ricerca conoscitiva e spirituale, in cui la studiosa Agata Keran fa emergere una lettura poliedrica: arte, storia, teologia, botanica creano in questa composizione pittorica un connubio davvero particolare; questa la ragione che sollecita l’autrice ad attraversare con cura il racconto visivo dell’ opera scandito attraverso una suggestiva serie di dettagli parlanti, interpretati grazie al ricorso alle fonti letterarie antiche”.
Vedi il comunicato Stampa

Crocifissi lignei del Servi di Maria

Francesca Meneghetti

L’antico Ordine dei Servi di Maria custodisce una storia mai scritta, quella del culto di una serie di crocifissi lignei protagonisti di eventi ritenuti miracolosi, opere d’arte preservate come reliquie dalle confraternite laiche fin dal XVI secolo. A partire dal Cristo scolpito da Donatello e conservato nella chiesa dei Servi di Padova, è possibile rintracciare altri manufatti lignei, per la maggior parte inediti, a Vicenza, Venezia, Castellazzo Bormida (Alessandria), Genova, Bologna, Budrio (Bologna), Borgo a Mozzano (Lucca), Firenze, Pisa, Sant’Angelo in Vado (Pesaro-Urbino), Perugia e Roma. 

Ave Maria liberatrice

Naike Monique Borgo

Alessio Giovanni Graziani

Il 2020 è stato un anno particolare in ogni paese del mondo a causa della pandemia da Covid-19 che ha segnato profondamente tutti e tutto. Nella Diocesi di Vicenza, già posta sotto la protezione della Madonna di Monte Berico, la devozione mariana è stata riscoperta in questo tempo sofferto in vari modi, luoghi e momenti, paradossalmente anche grazie al tempo di lockdown che ha chiesto una riflessione seria sui valori della vita, sulle sue priorità e sulla preziosità delle piccole cose quotidiane.
La prima parte di questa pubblicazione raccoglie le meditazioni proposte da suor Naike Monique Borgo e trasmesse da Radio Oreb in occasione della tradizionale novena a Santa Maria Liberatrice tenutasi nel Santuario di Malo dal 31 agosto al 7 settembre 2020, vigilia della festa mariana. Ogni meditazione prende le mosse da un brano dalla Parola di Dio ed è arricchita dalla contemplazione di un’opera d’arte custodita nel santuario di Malo oppure in un’altra chiesa della diocesi. Il riferimento all’esperienza della pandemia in Italia attualizza il messaggio e ci aiuta a fare memoria di quanto è accaduto e ancora non si è concluso.
Nella seconda parte del volume si trova invece il testo della supplica rivolta dal Vescovo di Vicenza mons. Beniamino Pizziol alla Madonna di Monte Berico la sera del 24 marzo 2020, vigilia dell’Annunciazione.
Seguono i testi delle catechesi sulla preghiera dell’Ave Maria proposte da don Alessio Graziani agli ascoltatori di Radio Oreb durante l’ultima Quaresima. Le parole della preghiera più amata, conosciuta e pregata vengono approfondite da un punto di vista storico, biblico e soprattutto spirituale. Queste pagine sono accompagnate dalla riproduzione di alcuni degli oltre 600 disegni realizzati dai bambini della diocesi in occasione dell’Atto di Affidamento alla Madonna di Monte Berico: segni di una devozione popolare ben viva nel cuore dei vicentini.

Fonte: sito di Radio Oreb

Studi storici dell’Ordine dei Servi di Maria (2020)

Vol. 70

  • Editore: Facoltà Teologica Marianum
  • A cura di: Ordine dei servi di Maria
  • Data di Pubblicazione: 2020

 

Santuari del Veneto 

Gilberto dal Cengio

Editoriale Programma 2020

“Fin dai primi tempi del Cristianesimo, il Veneto è terra di fede. 

Negli ampi confini del suo territorio – che comprende splendide vette, estese aree collinari, ampie pianure attraversate da fiumi e zone costiere – hanno operato grandiose figure di Santi e, attorno alla loro memoria, sono stati edificati importanti luoghi di culto. Il popolo veneto non ha mai dimenticato i suoi celesti benefattori e si è sempre dimostrato fedele in primo luogo alla Madonna e a suo Figlio. Questo libro ci porta a conoscere non solo questi spazi sacri, ma ci fa comprendere i contesti in cui sono sorti e la spinta d’amore che li ha generati”.

Libri del Mese di Novembre 2020

Alberto Maggi, La verità ci rende liberi – Garzanti 2020

In questa conversazione con il vaticanista Paolo Rodari, Alberto Maggi si racconta con grande sincerità: non mancano ricordi autobiografici, la scoperta della vocazione, gli scontri con le gerarchie ecclesiastiche che gli sono valsi il titolo di “teologo eretico”; e al contempo, da fine biblista, ci offre le sue riflessioni su un Vangelo che troppe volte è stato presentato solamente come un insieme di norme e precetti da rispettare, pena i più tremendi castighi. Ma davvero seguire Gesù non è altro che un insieme di regole da non disattendere? In pagine profonde e ricche di gioia, Alberto Maggi ci insegna che è soprattutto nei periodi di maggiore difficoltà, quando siamo alle prese con le più dure prove dell’esistenza, che bisogna avere maggiore fiducia nell’uomo e nelle vita.

Alberto Maggi, frate dell’Ordine dei Servi di Maria, è una delle voci della Chiesa più ascoltate da credenti e non credenti: le sue posizioni, spesso spiazzanti, fanno discutere e suonano come un pungolo a mettersi sempre in discussione. Perché, come ripete papa Francesco, non bisogna avere fiducia di chi non dubita mai. In questo suo ultimo libro, una conversazione con il vaticanista Paolo Rodari, Alberto Maggi si racconta con grande sincerità: ricordi autobiografici, la scoperta della vocazione, gli scontri con le gerarchie ecclesiastiche che gli sono valsi il titolo di «teologo eretico»; e al contempo, da fine biblista, ci offre le sue riflessioni su un Vangelo che troppe volte è stato presentato solamente come un insieme di norme e precetti da rispettare, pena i più tremendi castighi. Ma davvero seguire Gesù non è altro che un insieme di regole da non disattendere? In pagine profonde e ricche di gioia, Alberto Maggi ci insegna che è soprattutto nei periodi di maggiore difficoltà, quando siamo alle prese con le più dure prove dell’esistenza, che bisogna avere maggiore fiducia nell’uomo e nella vita.

Etica animale, di Martin M. Lintner, Queriniana 2020 ( Biblioteca di teologia contemporanea 201)

Gli animali occupano un posto importante nella nostra società. Oggi sempre più persone mostrano di essere sensibili alla sofferenza che gli animali patiscono, specie a quella provocata da allevamenti intensivi.
Nonostante ciò, il nostro comportamento nei loro confronti è stato ed è sempre caratterizzato da grande ambivalenza. Alcuni animali sono oggetto del nostro amore, della nostra protezione e sono sepolti in appositi cimiteri; altri, invece, li cacciamo, li uccidiamo e li mangiamo. Cosa è giusto fare? In base a quali princìpi etici? Quali conseguenze ne derivano per il nostro stile di vita e per le nostre abitudini di consumatori? Dobbiamo forse diventare tutti quanti vegetariani o vegani? Questo libro innovativo non sostiene una posizione del tipo «tutto o niente».  Martin Lintner, religioso suditirolese dell’Ordine dei Servi di Maria e docente di teologia morale a Bressanone e a Innsbruck, cerca piuttosto di affrontare le questioni fondamentali per capire come si possa tenere, verso gli animali, un comportamento che sia rispettoso delle loro esigenze specifiche e individuali. 

Presenta poi le posizioni attualmente dibattute nel campo dell’etica animale e in particolare, tenendo conto di differenze e somiglianze tra essere umano e animali, mette in evidenza la nostra responsabilità, indicando come essa si concretizzi in ambiti come il nostro rapporto con gli animali domestici, l’allevamento a fini di reddito, la sperimentazione animale nella ricerca medica, la caccia e il consumo di prodotti di derivazione animale. Un grande libro di etica relativa agli animali. Per rispettarli e amarli in un modo che corrisponda alla loro natura. 

Libri del Mese di Settembre 2020

Che ne è oggi della discepola prediletta, della donna autorevole, dell’apostola che ha creduto e seguito Gesù? Un lungo processo di alterazione e di ridimensionamento ci consegna una figura di peccatrice e di pentita, nella quale si fondono bellezza sensuale e mortificazione del corpo. Riflettere sul “caso Maddalena”, addentrarsi nelle pieghe della storia e delle arti, significa rimuovere equivoci e manipolazioni, ritrovando, nel cuore del cristianesimo, i ruoli determinanti che le donne aspettano ancora di svolgere pur avendoli avuti fin dalle origini.

  • Copertina flessibile: 136 pagine
  • Editore: Il Mulino

Solo in sedici versetti dei Vangeli Maria parla in modo esplicito. Si tratta in tutto di 154 parole greche (compresi gli articoli, i pronomi, le particelle) delle quali ben 102 occupate dall’inno del Magnificat. Se stiamo al dettato testuale, le frasi che Maria pronuncia sono sei: due all’annunciazione dell’angelo Gabriele; una più vasta nella visita ad Elisabetta; una nel tempio di Gerusalemme davanti al figlio dodicenne in compagnia dei dottori della Legge; due, infine a Cana durante le nozze. Eppure un altro episodio si aggiunge a questo elenco. Dal Golgota, Gesù morente interpella direttamente sua Madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Maria, in questo caso, tace, ma il suo è un silenzio eloquente, un «sì» muto ma efficace, la sua settima, estrema parola, tacita ma decisiva perché la introduce in una nuova maternità.

  • Copertina flessibile: 152 pagine
  • Editore: EDB

Nei cambiamenti epocali che attraversiamo oggi, l’attuale forma di Chiesa sta andando in frantumi. Non si tratta però dell’unica forma possibile, ossia della Chiesa in quanto tale: già altre volte, nel corso dei secoli, la comunità dei discepoli di Cristo ha conosciuto sviluppi molto differenti, spesso accompagnati da ampie trasformazioni (e notevoli carenze). Così pure noi, guardando al futuro, siamo in grado di indovinare i tratti di una nuova forma di Chiesa, pur nella consapevolezza che anche tale forma non sarà perfetta. A partire dalle tante dimensioni paradossali della Chiesa – che rappresenta visibilmente qualcosa di invisibile, essendo essa al contempo mistero divino e comunità umana concreta – Lefrank solleva delle questioni teologiche fondamentali. Analizza la situazione con occhio critico e offre orientamenti solidi per ripensare la realtà complessa della Chiesa, tra fedeltà all’origine apostolica e rinnovamento dell’organizzazione ecclesiale in dialogo con il mondo. La stimolante prospettiva delineata in questo saggio è costantemente riferita ai criteri che l’autore desume con acutezza dai testi fondativi. «Quando qualcosa finisce a pezzi, si aprono delle opportunità straordinarie per vedere le cose più in profondità. Il che vale senz’altro anche per la Chiesa, per la quale si ripresenta ogni volta la necessità di tornare al fondamento su cui tutto poggia».

  • Copertina flessibile: 216 pagine
  • Editore: Queriniana

Rinascere – padre Albino M. Candido

 

Brani di vita finita

tronchi di esistenza abbandonati …

Che cosa mi rimane se non credo?

Le tue parole

sono annunzi di liberazione

sono punte di fuoco che bruciano

ogni segno di decomposizione.

La vita si riaccende di vita

se credo.

Ti disseti anche solo

di questa mia goccia di fede?

Di questo volere

di foglia che spunta dal ramo

oppure di foglia che resiste sul ramo?

Se credo tutto verrà da sé,

come la creazione,

gratuitamente,

perché tu operi in vista di Te,

in vista dell’amore che

non ha legge,

non ha misura,

non ha calcolo.

E’ un mare per tutti e per ognuno.

La tua resurrezione

mi ha seminato nel cuore

la Speranza,

speranza che mette verde

e colori forti

in ogni momento del vivere,

rimanendo viva

nell’intimità di tutte le cose.

Vivo ti ho riconosciuto

negli alberi che gettano gemme,

nei prati che stendono verde,

nell’inquieto desiderio di Te.

Biografia

Padre Albino Candido nasce nel 1916 a Ludaria di Rigolato, nel cuore dei monti della Carnia friulana.

Da giovane entra nell’Ordine dei Frati Servi di Maria. Viene ordinato sacerdote a Monte Berico il 18 agosto del 1948.

Colto e dotato, amante dello studio e delle materie classiche e umanistiche, traduce questa sua sensibilità in trentacinque anni di prezioso insegnamento presso i seminari minori OSM.

Caratterizzato da una ricerca della fede continua e spesso inquieta, si è rivelato come un esempio e un maestro di vita.

Fu amico di p. Camillo De Piaz e di p. David Turoldo.

Scompare il 16 agosto 1992 all’età di 76 anni.

La poesia proposta è tratta dal libro “Un’ultima foglia sulla punta del ramo” che raccoglie tutte le sue poesie dal 1953 al 1989.

Padre Albino M. Candido