Antica festa dell'Addolorata

Maria presso la croce del Figlio

Santa Maria, 
donna che ben conosci il patire, 
che conosci il corpo e il cuore dell’uomo, 
aiutaci a comprendere che il dolore 
non è l’ultima parola: 
è invece la porta stretta 
dove si misura l’amore, 
dove si apprende il valore delle cose.

Santa Maria, noi non osiamo chiederti
di essere esentati dall’amarezza;
ti preghiamo solo che,
in questo momento della prova,
tu ci preservi dal pianto dei disperati.
Rinnova per noi, Vergine del dolore,
la tenerezza che usasti per Gesù,
quando da mezzogiorno alle tre
si fece buio su tutta la terra
e tu gli rimanesti accanto sotto la sua Croce.

Ripeti ora la tua presenza accanto alle croci dei tuoi figli:
se ci sei tu, la luce non tarderà a spuntare.
Accresci le nostre riserve di coraggio,
alimenta la lampada della speranza
e fa che in questa nostra eclissi di vita
non smettiamo di attendere
Colui che verrà finalmente
a mutare il lamento in danza
e la veste di sacco in abito di gioia.

 

Maria nell’ora del Calvario

Santa Maria, vergine della notte,
noi t’imploriamo di starci vicino ora,
mentre  incombe il dolore e irrompe la prova
e sovrasta la nostra esistenza
il freddo delle delusioni
o l’ala severa della morte.

Santa Maria liberaci dai brividi delle tenebre.
Nell’ora del Calvario,
tu che hai sperimentato l’eclissi del sole,
stendi il tuo manto su di noi,
perché ci sia più sopportabile
la lunga  attesa della libertà.

Alleggerisci con carezze di Madre
la sofferenza dei malati.
Riempi di presenze amiche e discrete
il tempo amaro di chi è solo,
conforta con gli occhi tuoi misericordiosi
chi ha perso la fiducia nella vita.

Santa Maria, donna del dolore,
non ci lasciare soli in questa notte
a salmodiare le nostre paure.
Se, nei momenti dell’oscurità,
sarai vicina a noi,
e ci sussurrerai che anche tu,
Vergine della speranza, stai aspettando la luce,
le sorgenti del pianto
si disseccheranno sul nostro volto,
e sveglieremo insieme l’aurora.

Giotto, Compianto sul Cristo morto, particolare

Per i Servi di Maria il venerdì della 5^ settimana di Quaresima è giorno in cui ricordiamo la presenza di Maria ai piedi della Croce e la sua partecipazione al dolore del Figlio. È l’antica festa dell’Addolorata, inserita nella Passione di Gesù Cristo. Solo dopo verrà istituita la festa dell’Addolorata del 15 settembre, subito a ridosso della Esaltazione della Croce.